Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Gli effetti psicologici e sociali dopo i trapianti di staminali


Una ricerca pubblicata dal Journal of Clinical Oncology indaga sulle conseguenze fisiche, psicologiche e sociali su pazienti sottoposti ad un trapianto di cellule staminali ematopoietiche resosi neces

Una ricerca pubblicata dal Journal of Clinical Oncology indaga sulle conseguenze fisiche, psicologiche e sociali su pazienti sottoposti ad un trapianto di cellule staminali ematopoietiche resosi necessario per tumore della mammella, leucemia o linfoma.
I ricercatori della University of Florida, dell’University of Kentucky e del Medical College of Wisconsin hanno analizzato 662 pazienti sottoposti ad un trapianto di cellule staminali ematopoietiche una media di 7 anni prima (da 1,8 anni a 22,6 anni), provenienti da 40 centri sparsi per gli Usa. Attraverso un'intervista telefonica e la compilazione di un questionario sono stati misurati una serie di parametri di qualita' della vita fisica e spirituale.
“Gli effetti di un evento cosi' importante possono andare avanti per decenni”, spiega John Wingard, direttore del Centro Trapianti dell’University of Florida Shands Cancer Center di Gainesville, riportato da Il Pensiero Scientifico Editore.
“Infatti molti sopravvissuti al cancro soffrono di disturbi del sonno, problemi sessuali, dolori, problemi cognitivi, e in generale uno stato psico-fisico di sofferenza. Una cura insomma non e' necessariamente sinonimo di un ritorno totale alla buona salute”. Molti pazienti inoltre soffrono di complicazioni come infezioni o intossicazioni da chemioterapia o radiazioni, e sia loro sia la loro famiglia sono a volte costretti a lunghi spostamenti verso i luoghi di cura, con una serie di gravi ripercussioni sulla loro vita privata e sul loro lavoro. Tra i pazienti esaminati, per fare solo un esempio, l’incidenza della depressione e' risultata quadruplicata.
“La cura non e' la fine del viaggio”, spiega Wingard. “I sopravissuti continuano a viaggiare rivivendo le loro esperienze traumatiche per mesi, anni. E' importante per tutti noi, per i familiari e per gli amici dei pazienti essere vicini e solidali. Anche dopo molto tempo che un paziente e' guarito, possono affacciarsi patologie, tra le quali stress e depressione, che necessitano dell’intervento medico”.
Ma non tutti i pazienti vivono il loro percorso di guarigione come un’esperienza cosi' drammatica. Alcuni descrivono la fase ‘post-cancro’ della loro vita come un periodo di crescita psicologica e interpersonale. La necessita' di sopravvivere aiuta a mettere a fuoco i valori della vita, a vedere le cose nella giusta prospettiva. Questi pazienti riportano un’esperienza di relazioni umane rafforzate, di un attaccamento rinnovato alla vita, di empatia accresciuta e di spiritualita' approfondita. Da una patologia che minaccia la vita puo' venire qualcosa di positivo, a volte.

Fonte: Aduc (21/04/2005)
Pubblicato in Analisi e Commenti
Tag: psicologia, trapianti, staminali
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della Societŕ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy