Forum

Nome Utente:
Password:
Riconoscimi automaticamente
 Tutti i Forum
 Varie
 Università, Orientamento, Lavoro
 Requisiti per fare ricerca con una laurea in medicina
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Risorse di Università e Lavoro: Siti di Università - enti di ricerca e Lavoro Ultime notizie

Tag   medicina    ricerca    laboratorio  Aggiungi Tag

Quanto è utile/interessante questa discussione:

Autore Discussione  

MthSqrt
Nuovo Arrivato



8 Messaggi

Inserito il - 15 novembre 2015 : 22:45:38  Mostra Profilo Invia a MthSqrt un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
So che questo argomento è già stato toccato in discussioni simili, ma non ho trovato tutte le risposte che cercavo, quindi vi presento il mio caso.
Sono iscritto a Medicina, 3° anno; a suo tempo ho scelto questa facoltà più per consiglio di parenti e amici che per interesse personale. Non che adesso sia pentito della scelta, anzi, però dai tirocini e dalle lezioni fatte finora (nella mia università i tirocini in ospedale cominciano dal 1° anno) ho capito che mi piace mille volte di più la ricerca che il lavoro in corsia o in ambulatorio.
Quest'anno la facoltà ha attivato dei tirocini facoltativi in laboratorio e io ho colto al volo l'occasione . Ho appena iniziato a frequentarli e sono molto soddisfatto e contento, però ho notato che i biologi che lavorano lì hanno conoscenze molto più estese delle mie (eppure credo di avere buona basi di biologia), e hanno un'esperienza neanche lontanamente paragonabile. Però c'è da aggiungere che i capi ricerca in quel laboratorio sono medici, e non biologi, e una dottoranda in biotech mi ha detto che molti laureati in medicina vanno a lavorare da loro per ottenere il PhD.
La mia domanda quindi è: per entrare in laboratorio, basta davvero la laurea in medicina, più la poca esperienza data dai tirocini (nei sei anni non credo facciano neanche 100 ore)? O serve qualcos'altro? Non vorrei arrivare tardi e mangiarmi le mani per avere sprecato delle occasioni di formazione.
Grazie a tutti quelli che vorranno rispondere!
P.S.: se è importante ai fini della risposta, sarei interessato alle neuroscienze

Andre85
Nuovo Arrivato



63 Messaggi

Inserito il - 18 novembre 2015 : 13:02:35  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Andre85 Invia a Andre85 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ciao,
allora purtroppo la laurea in medicina non offre la preparazione scientifica idonea a poter lavorare in un laboratorio di ricerca, almeno di base. E' una mentalità completamente differente che deve essere acquisita, ma questo vale anche per chi si laurea in discipline scientifiche, con l'esperienza del "Metodo Scientifico" e della sua applicazione quotidiana nella risoluzione di problemi, sviluppo di protocolli e idee. Per colmare questa mancanza dovresti chiuderti in un laboratorio, come fanno biologi/chimici/chimici farmaceutici/fisici/matematici ecc..per cinque anni, iniziando dal basso come tutti: lavando la vetreria e rubando il mestiere. Scusa la schiettezza ma è la verità.
Torna all'inizio della Pagina

MthSqrt
Nuovo Arrivato



8 Messaggi

Inserito il - 18 novembre 2015 : 17:00:28  Mostra Profilo Invia a MthSqrt un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da Andre85

Ciao,
allora purtroppo la laurea in medicina non offre la preparazione scientifica idonea a poter lavorare in un laboratorio di ricerca, almeno di base. E' una mentalità completamente differente che deve essere acquisita, ma questo vale anche per chi si laurea in discipline scientifiche, con l'esperienza del "Metodo Scientifico" e della sua applicazione quotidiana nella risoluzione di problemi, sviluppo di protocolli e idee. Per colmare questa mancanza dovresti chiuderti in un laboratorio, come fanno biologi/chimici/chimici farmaceutici/fisici/matematici ecc..per cinque anni, iniziando dal basso come tutti: lavando la vetreria e rubando il mestiere. Scusa la schiettezza ma è la verità.


Ok, essere schietti è il meglio. Tuttavia mi pare (IMHO) che la fai un po' distruttiva. Sono d'accordo sul fatto di partire dal basso (al momento ho solo da imparare dai biologi e dagli altri non clinici), però ci sono tanti miei professori e tante altre persone afferenti all'università che si sono laureati in medicina e sono diventati scienziati con posizioni di tutto prestigio. E basta sfogliare una rivista di neuroscienze per vedere che gli "MD, PhD" non sono pochi. Non credo siano supereroi; penso solo che abbiano avuto particolare passione per la ricerca, talento e soprattutto impegno. E poi boh, la vita riserva tante sorprese, come per Frank Netter che, laureato in Medicina, abbandonò la carriera medica per fare il disegnatore di tavole anatomiche quando queste incominciarono a fruttargli un bel po' di quattrini. Sono casi rari, ma di persone, non di alieni. Comunque grazie, per il tempo che posso, "ruberò" più mestiere possibile.
Torna all'inizio della Pagina

Giuliano652
Moderatore

profilo

Prov.: Brescia


6900 Messaggi

Inserito il - 18 novembre 2015 : 18:41:36  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Giuliano652 Invia a Giuliano652 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
non esiste "rubare" il lavoro in ricerca perché non c'è un'esclusiva. Pure un meccanico può inventare qualcosa che fa progredire la scienza (in questo caso medica): http://medbunker.blogspot.it/2013/03/jorge-odon-un-meccanico-alloms.html

Uno strumento utile per l'utilizzo del forum: cerca

Se sei nuovo leggi il regolamento e, se vuoi farti conoscere, presentati qui

Link utili alla professione:
FAQ su nutrizione e dietistica
[Raccolta link] cosa bisogna sapere del lavoro del biologo
Burocrazia per lavorare come biologi
Dà più sbocchi biologia delle posidonie o biotech suine?
Torna all'inizio della Pagina

MthSqrt
Nuovo Arrivato



8 Messaggi

Inserito il - 18 novembre 2015 : 19:34:04  Mostra Profilo Invia a MthSqrt un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Infatti ho usato le virgolette su "rubare" perché è una citazione da Andre85. Bello l'articolo linkato, in effetti avere idee e tenacia nel portarle avanti spesso conta più dei meri titoli di studio (ed è facile, ma falso, dire "se ci fosse qualcosa di meglio sarebbe già stato inventato"). Finisco qui, altrimenti vado off-topic.
Ancora grazie a chi ha risposto.
Torna all'inizio della Pagina

Andre85
Nuovo Arrivato



63 Messaggi

Inserito il - 19 novembre 2015 : 08:35:47  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Andre85 Invia a Andre85 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
"rubare il lavoro" significa che difficilmente, ma te lo auguro, qualcuno che ti spiegherà e passerà tutta la sua esperienza. Il motivo è molto semplice: se passa tutta la sua conoscenza all'allievo questo poi lo sostituirà. Il mondo della ricerca è un mondo duro, spesso scorretto e ingiusto. Ho anni di esperienza e mi è stato tanto insegnato ma tanto ho dovuto "rubarlo" con gli occhi e con le orecchie. Mi spiace, è un mondo durissimo in cui molto spesso si viene calpestati.
Torna all'inizio della Pagina

MthSqrt
Nuovo Arrivato



8 Messaggi

Inserito il - 19 novembre 2015 : 11:44:37  Mostra Profilo Invia a MthSqrt un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da Andre85

"rubare il lavoro" significa che difficilmente, ma te lo auguro, qualcuno che ti spiegherà e passerà tutta la sua esperienza. Il motivo è molto semplice: se passa tutta la sua conoscenza all'allievo questo poi lo sostituirà. Il mondo della ricerca è un mondo duro, spesso scorretto e ingiusto. Ho anni di esperienza e mi è stato tanto insegnato ma tanto ho dovuto "rubarlo" con gli occhi e con le orecchie. Mi spiace, è un mondo durissimo in cui molto spesso si viene calpestati.



Immagino sia difficile ritagliarsi una posizione, comunque il mondo dell'ospedale, da quello che sento da parenti e amici, sia medici che infermieri, è altrettanto soggetto a baronismo. Forse in ospedale il lavoro è più facile da trovare e meglio remunerato, ma anche lì tanti bravi professionisti non avanzano perché non hanno agganci o conoscenze "in alto".
Ti ringrazio sinceramente dei consigli; so di persona, avendolo già sperimentato (per fortuna in contesti meno seri rispetto all'ambiente di lavoro), che lavorare di più e meglio spesso non ripaga, però credo che sia più giusto seguire le proprie passioni che scegliere la strada più comoda. E se proprio la strada della ricerca dovesse essere per me un vicolo cieco, amen, se avrò una laurea in medicina in tasca, potrò sempre fare la specializzazione medica in un Paese estero (dove non c'è esame di ammissione).
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  

Quanto è utile/interessante questa discussione:

 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
Vai a:
MolecularLab.it © 2003-18 MolecularLab.it Torna all'inizio della Pagina