Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Passo avanti nella comprensione della malattia di Huntington


CellsUn team di scienziati del CNRS (Centre National de la Recherche Scientifique) e dellINSERM (Institut national de

CellsUn team di scienziati del CNRS (Centre National de la Recherche Scientifique) e dell'INSERM (Institut national de la santÚ et de la recherche mÚdicale) ha chiarito il ruolo dell'huntingtin, una proteina la cui mutazione provoca la malattia di Huntington.

Secondo i ricercatori, l'huntingtin agisce come il 'booster di un razzo', accelerando il trasporto del fattore di sopravvivenza del neurone. Quando l'huntingtin muta, il 'booster del razzo' smette di funzionare in modo corretto e il trasporto rallenta, riducendo di conseguenza la protezione e provocando la morte dei neuroni per apoptosi.

Si spera che la nuova scoperta, diffusa il 9 luglio dalla rivista Cell, possa portare a nuove tecniche di terapia per bloccare la morte accelerata dei neuroni.

La malattia di Huntington Ŕ una rara alterazione neurologica che colpisce 1 persona su 10.000 e che di solito si manifesta tra i 35 e i 50 anni.
Come il morbo di Alzheimer o di Parkinson, la malattia si caratterizza per la morte anomala di certi neuroni, e le sue manifestazioni pi¨ evidenti sono i movimenti involontari e spasmodici di arti, testa e collo. Tra gli altri sintomi, le alterazioni mentali quali l'ansietÓ, l'irritabilitÓ, la depressione e un declino intellettuale che sfocia nella demenza. Di solito la morte sopravviene dopo 15 o 20 anni dall'insorgere della malattia, in genere per sopravvenute complicazioni (polmonite o altra infezione).

Fino ad oggi la funzione dell'huntingtin, il gene responsabile della malattia, era stata scarsamente compresa. Il team di scienziati ha ora scoperto che, in situazione normale, il gene protegge i neuroni dalla morte cellulare, ma che, una volta mutato, agisce al contrario e provoca la morte rapida dei neuroni dello striato, la regione del cervello nella quale si sviluppa la malattia di Huntington.

'Anche se ancora nella fase di ricerca, il lavoro apre nuove strade d'investigazione nel trattamento della malattia di Huntington. [...] A pi¨ lungo termine, le scoperte potrebbero essere utili anche in altre malattie, ad esempio quelle tumorali, nelle quali l'apoptosi svolge un ruolo fondamentale', si legge in una dichiarazione dell'Institut Marie Curie.

Per ulteriori dettagli (in francese):
http://www.curie.fr/upload/presse/050704_fr.pdf

Fonte: Aduc (13/07/2004)
Pubblicato in Biochimica e Biologia Cellulare
Tag: Huntington, huntingtin
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy