Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Drastiche le nuove linee guida per colesterolo negli usa


Sono cambiamenti drastici quelli apportati dagli esperti americani del National cholesterol education program ai livelli di colesterolo consigliati. Dopo solo due anni e mezzo dallultimo ritocco

Sono cambiamenti drastici quelli apportati dagli esperti americani del 'National cholesterol education program' ai livelli di colesterolo consigliati. Dopo solo due anni e mezzo dall'ultimo 'ritocco' le nuove linee guida - emanate oggi - abbassano di almeno 30 millilitri per decilitro di sangue i livelli suggeriti per i pazienti a rischio di infarto ''molto alto'' e per quelli a ''rischio alto''.
Si tratta di una evoluzione nella strategia contro le malattie cardiache sostenuta da una serie di recenti studi in materia, destinata ad ampliare di milioni il numero delle persone che verranno sottoposte a cure farmacologiche con i farmaci a base di 'statine' appunto per la riduzione del colesterolo.
''Ci aspettiamo che l'implemantazione di questi suggerimenti ridurra' la mortalita' per malattie del cuore cosi come il numero di infarti e il bisogno di procedure quale l'angioplastia, i bypass coronarici e di procedimenti di rivascolarizzazione'', ha commentato Sidney Smith co-autore delle nuove linee-guida ed ex presiedente dell' 'American heart association', nonche' professore di medicina al'unversita' del North Carolina.
Ecco nel dettaglio i consigli a seconda della categorie di rischio di disturbi cardiocircolatori in cui rientrano i pazienti.
Tutte le raccomandazioni sono indirizzate a tenere sotto controllo il 'Ldl' ossia il cosiddetto colesterolo cattivo che aumenta i pericoli per la circolazione.
Il livello globale di colesterolo non viene considerato.
- Per i malati a ''molto alto rischio'', ossia che hanno gia' subito un infarto di recente e hanno diversi fattori di pericolo coronarico i livelli di 'Ldl' non dovrebbero superare i 70: ossia 30 millilitri in meno dei 100 sino ad oggi consigliati.
- Le persone ad 'alto rischio', che cioe' hanno gia' una malattia cardiaca, diabete o pressione alta ed hanno probabilita' tra il 10-20% di incorrere in un infarto nei prossimo 10 anni, il 'Ldl' dovrebbe essere sotto i 100 (prima era dai 130 in giu').
- Per le persone a ''moderato-alto' rischio, ossia con almeno un paio di fattori di pericolo cardiaco, si consiglia un 'Ldl' piu' basso di 130.
- Per chi ha fattori di rischio 'bassi', un 'Ldl' sotto 160 e' accettabile.
Gli esperti raccomandano che le persone che non riescono a raggiungere i livelli suggeriti si sottopongano senza esitazioni alle terapie medicinali, da aggiungere ovviamente a cambiamenti significativi nello stile di vita. Come l'aggiunta di esercizio fisco ed il consumo di una dieta alimentare equilibrata.
Il comitato che ha emanato le linee-guida - formato da esperti del 'National Institute of heart, lung and blood disease' - raccomanda che per cominciare chiunque rientri nelle categorie a ''molto alto rischio'' o ad 'alto rischio'' e ha un colesterolo 'cattivo' molto alto si ponga comunque l'obiettivo di abbassare i livelli di 'Ldl' del 30-40%.

Fonte: Ansa (14/07/2004)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: colesterolo
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy