Forum

Nome Utente:
Password:
Riconoscimi automaticamente
 Tutti i Forum
 Varie
 Università, Orientamento, Lavoro
 master nutrizione
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Risorse di Università e Lavoro: Siti di Università - enti di ricerca e Lavoro Ultime notizie
Pagina Successiva

Aggiungi Tag Aggiungi i tag

Quanto è utile/interessante questa discussione:

Autore Discussione
Pagina: di 2

nephrolepis
Nuovo Arrivato



9 Messaggi

Inserito il - 19 giugno 2010 : 22:09:10  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di nephrolepis Invia a nephrolepis un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
salve!ho a breve terminato le prove scritte dell'esame di stato per biologi... sperando che tutto vada bene a settembre ho l' orale e prova pratica...Nel frattempo sto cercando un buon master in biologia della nutrizione vorrei poter un giorno spero non molto lontano aprirmi uno studio ed eserciatre la professione di nutrizionista! so che non è semplice ma cè la metterò tutta!cè qualcuno che ha la mia stessa passione? conoscete master che ti danno una buona preparazione teorica ma anche pratica? al momento purtroppo non ho trovato master per l'anno 2010/2011, ma solo alcuni corsi anche se sembrano molto interessanti.

Giuliano652
Moderatore

profilo

Prov.: Brescia


6925 Messaggi

Inserito il - 19 giugno 2010 : 23:25:04  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Giuliano652 Invia a Giuliano652 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Io sto facendo il master online della Funiber, teoria ottima, pratica zero essendo online. Non so se ci sono già indicazioni per le prossime iscrizioni ma so che il master del Gemelli a Roma è ottimo, sconsigliato quello di Siena, ho sentito parlare di Milano ma non ne so niente... Inoltre esistono millemila corsi chiamati "Master" che però non sono corsi universitari, che comunque danno preparazione teorico/pratica buona. Personalmente ho fatto un corso con la Syntonie e per quello che ho visto posso pensare di consigliare il loro "master" biennale (o meglio, due master annuali).

Uno strumento utile per l'utilizzo del forum: cerca

Se sei nuovo leggi il regolamento e, se vuoi farti conoscere, presentati qui

Link utili alla professione:
FAQ su nutrizione e dietistica
[Raccolta link] cosa bisogna sapere del lavoro del biologo
Burocrazia per lavorare come biologi
Dà più sbocchi biologia delle posidonie o biotech suine?
Torna all'inizio della Pagina

nephrolepis
Nuovo Arrivato



9 Messaggi

Inserito il - 20 giugno 2010 : 09:01:35  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di nephrolepis Invia a nephrolepis un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
ciao giuliano, scusa se te lo chiedo ma tu eserciti già la libera professione di nutrizionista?per il master di roma mi sono informata, e i bandi per il nuovo anno 2010/2011 devono ancora uscire! sicuramente lo proverò anche se so che per entrare è dura! il test d'ammissione non è semplice ma cmq proverò!grazie per avermi aperto gli occhi su quello di siena!a benevento si terrà un corso in nutrizione e dietetica applicata giunto alla terza edizione che non sembra male... devo vedere un po' anche perchè penso che un master universitario sia migliore rispetto a un semplice corso... devo cercare di non avere troppa fretta! anche s ela voglia di cominciare e iniziare è tanta!
Torna all'inizio della Pagina

Patrizio
Moderatore

mago

Città: Vancouver


1900 Messaggi

Inserito il - 20 giugno 2010 : 09:40:22  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Patrizio  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Patrizio Invia a Patrizio un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da nephrolepis

devo vedere un po' anche perchè penso che un master universitario sia migliore rispetto a un semplice corso...



Non è detto,ci sono dei "master" che non sono universitari ma danno comunque una buona preparazione


Torna all'inizio della Pagina

nephrolepis
Nuovo Arrivato



9 Messaggi

Inserito il - 20 giugno 2010 : 09:47:37  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di nephrolepis Invia a nephrolepis un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
forse sbaglio ma secondo me quelli che dici tu sono corsi no master anche se vengono chiamti così. un master per esser tale so che deve avere minimo 60 crediti.
Torna all'inizio della Pagina

Giuliano652
Moderatore

profilo

Prov.: Brescia


6925 Messaggi

Inserito il - 20 giugno 2010 : 10:20:39  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Giuliano652 Invia a Giuliano652 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
non esercito ancora, ma è questione di poco tempo. In ogni caso, i master sono sia universitari che non (immagina publitalia con i suoi master in economia), la differenza è che i master universitari danno crediti formativi universitari, gli anni di studio ti valgono esattamente come anni universitari e fanno punteggio per i concorsi, gli altri sono corsi che al massimo danno ECM. In ogni caso nessun tipo di master dà una "qualifica professionale", ovvero non sei nutrizionista se segui un corso (universitario o meno), ma se sei biologo. Per esperienza personale mi sono trovato estremamente bene con un corso di due giorni della Syntonie, per questo consiglio il loro master, e con la preparazione teorica che dà il master universitario della Funiber. Per il resto non conosco in prima persona, Siena e Roma so per esperienze di altri, Milano davvero non ne so nulla se non che c'è la possibilità di un master, e Benevento me lo stai dicendo tu ora :-)

Uno strumento utile per l'utilizzo del forum: cerca

Se sei nuovo leggi il regolamento e, se vuoi farti conoscere, presentati qui

Link utili alla professione:
FAQ su nutrizione e dietistica
[Raccolta link] cosa bisogna sapere del lavoro del biologo
Burocrazia per lavorare come biologi
Dà più sbocchi biologia delle posidonie o biotech suine?
Torna all'inizio della Pagina

nephrolepis
Nuovo Arrivato



9 Messaggi

Inserito il - 20 giugno 2010 : 10:59:08  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di nephrolepis Invia a nephrolepis un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
ed è proprio per questo che sono confusa... perchè so che cmq un master universitario mi dà punteggio per l'insermento in graduatoria ai fini dell'insegnamento male che non riesca ad avviarmi con la professione di nutrizionista cosa che non farebbe un corso anche se magari migliore di un master univ.L'ideale forse sarebbe farli entrambi ma qui poi subentra anche il lato economico per cui biosgna fare ora la giusta scelta e forse pensare con la testa e non con il cuore....
Torna all'inizio della Pagina

nephrolepis
Nuovo Arrivato



9 Messaggi

Inserito il - 20 giugno 2010 : 11:04:17  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di nephrolepis Invia a nephrolepis un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
vorrei fare anche un'altra domanda se possibile! sapete quanti crediti ECM SONO OBBLIGATORI ALL'ANNO PER I BIOLOGI ISCRITTI ALL'ALBO CHE ESERCITANO AUTONOMAMENTE LA PROFESSIONE DI BIOLOGO NUTRIIZONISTA? BISOGNA FARLI SEMPRE o solo per un periodo di tempo limitato? ed è vero che per i medici sono gratis e purtroppo per i biologi sono a pagamento?
Torna all'inizio della Pagina

Giuliano652
Moderatore

profilo

Prov.: Brescia


6925 Messaggi

Inserito il - 20 giugno 2010 : 11:44:10  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Giuliano652 Invia a Giuliano652 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da nephrolepis

vorrei fare anche un'altra domanda se possibile! sapete quanti crediti ECM SONO OBBLIGATORI ALL'ANNO PER I BIOLOGI ISCRITTI ALL'ALBO CHE ESERCITANO AUTONOMAMENTE LA PROFESSIONE DI BIOLOGO NUTRIIZONISTA?


Per favore non scrivere in maiuscolo, equivale a gridare.
Per il triennio 2008-2010 sono 50 all'anno, il prossimo triennio probabilmente sarà la stessa cosa ma aspettiamo indicazioni. Inoltre mi sembra che non siano obbligatori per il primo anno (solare) di iscrizione all'albo.
Citazione:
BISOGNA FARLI SEMPRE o solo per un periodo di tempo limitato?

ECM sta per Educazione Continua in Medicina, quindi sì, bisogna farli sempre.
Citazione:
ed è vero che per i medici sono gratis e purtroppo per i biologi sono a pagamento?


Per i medici, gli infermieri e molti sanitari ci sono anche gratuiti, ma anche loro hanno quelli a pagamento. Per i biologi non mi risulta ci siano corsi gratuiti

Uno strumento utile per l'utilizzo del forum: cerca

Se sei nuovo leggi il regolamento e, se vuoi farti conoscere, presentati qui

Link utili alla professione:
FAQ su nutrizione e dietistica
[Raccolta link] cosa bisogna sapere del lavoro del biologo
Burocrazia per lavorare come biologi
Dà più sbocchi biologia delle posidonie o biotech suine?
Torna all'inizio della Pagina

nephrolepis
Nuovo Arrivato



9 Messaggi

Inserito il - 20 giugno 2010 : 11:49:50  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di nephrolepis Invia a nephrolepis un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
scusa se ho scritto in maiuscolo ma ho cliccato accidentalmente sul bloc maiuscolo!
Torna all'inizio della Pagina

hellas
Utente Junior



156 Messaggi

Inserito il - 20 giugno 2010 : 19:11:30  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di hellas Invia a hellas un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Il corso migliore che abbia visionato (ho avuto il cd) era: "Fondamenti di nutrizione umana, Promoter Brain Health Centre, relatore Dottor Lugaresi, svoltosi in 5 giorni a Roma, accreditato con 33 crediti ecm per medici e biologi.

Paradossalmente l'unico, ripetto a quelli che frequentai personalmente (parlo di corsi residenziali svolti a Milano e Roma) che desse verameente le basi per iniziare a lavorare come nutrizionista.

Come masters non saprei, l'ideale sarebbe un master residenziale, di secondo livello, in nutrizione clinica, della durata di un anno, attivato da una facoltà di medicina e chirurgia. Non si trovano.
Torna all'inizio della Pagina

Patrizio
Moderatore

mago

Città: Vancouver


1900 Messaggi

Inserito il - 20 giugno 2010 : 19:20:30  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Patrizio  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Patrizio Invia a Patrizio un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da hellas
[br

Come masters non saprei, l'ideale sarebbe un master residenziale, di secondo livello, in nutrizione clinica, della durata di un anno, attivato da una facoltà di medicina e chirurgia. Non si trovano.



Lasciali stare i master in nutrizione clinica,sono per i medici.


Torna all'inizio della Pagina

hellas
Utente Junior



156 Messaggi

Inserito il - 20 giugno 2010 : 20:46:39  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di hellas Invia a hellas un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da Patrizio

Citazione:
Messaggio inserito da hellas
[br

Come masters non saprei, l'ideale sarebbe un master residenziale, di secondo livello, in nutrizione clinica, della durata di un anno, attivato da una facoltà di medicina e chirurgia. Non si trovano.



Lasciali stare i master in nutrizione clinica,sono per i medici.



No ce ne sono aperti ad entrambi e servono ai biologi, il 90 per cento dei soggetti che afferiscono allo studio di un biologo nutrizionista (compreso lo studio del sottoscritto) sono affetti da patologia e il biologo nutrizionista è un Dottore Magistrale abilitato dallo stato italiano ad elaborare diete in soggetti malati.
Quindi è corretto che vi siano master in nutrizione clinica aperti ai biologi. I master ci sono (es, Università di Siena) ma duraoo due anni).
Se io limitassi la mia attività ai soggetti che afferiscono allo studio richiedendo un trattamento nutrizionale per "stare in forma" chiuderei "ieri".
Tra l'altor afferiscono al mio studio genitori di medici (inviati dal figlio. Quindi con i medici non ci sono problemi.
Anzi sono proprio le facoltà di medicina ad attivare master aperti a laureati che trattano persone malate (cmmpresi laureati in scienze motorie per i master in attività fisica).
servono iter formativi inferfacoltà il nutrizionista deve avere una formazione che preveda:
- biologia umana;
- biochimica;
- fisiopatologia;
- farmacologia (interazioni nuttienti/farmaci/integratori - es. integratori al triptofano per soggetti in trattamento antidepressivo con parovetina - sereupin -);
- zoologia e botanica )mangiamo animali e piante, siamo allergici a piante e animali);
- scienza degli alimenti;
- igiene (da quanti minuti bisogna stare esposti al sole - e con quanta pelle scoperta - in caso di osteopenia alla temperatura del lavasecco per eliminare gli acari - in capi che non si possono lavare in acqua calda - in soggetti allergici agli acari).

Sicuramente nè i medici nè i biologi possono pretendere che la persona li paghi per una dieta stampata con progoeo o dieta duemila della akern )o qualunque altro software per utilizzare il quale non serve la laurea).
Lavoro è impegno, non rendita.
Ho fatto l'insegnante per anni (scuole serali, anche dopo 8 - 10 ore di laboratorio in ospedale) e sentivo dire che ci sono molti insegnanti. No ce ne sono pochi, ci sono molte persone con la qualifica da insegnante, pochi che si impegnino a recuperare un ragazzo insegnandogli un metodo di studio, fotocopiandoli le lezioni dai testi più comprensibili, facendogli dei sunti integrativi.
Stesso discorso dei nutrizionisti o degli avvocati o dei giornalisti (e adesso anche dei medici).



Torna all'inizio della Pagina

Patrizio
Moderatore

mago

Città: Vancouver


1900 Messaggi

Inserito il - 20 giugno 2010 : 21:30:20  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Patrizio  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Patrizio Invia a Patrizio un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Hellas ,che una persona debba imparare gli aspetti fisiopatologici dei diversi casi che ti potrebbero capitare nel tuo studio ok, ma che a me venga insegnato per il 60% del corso qualcosa tipo la nutrizione enterale parenterale o la PEG,spendendoci giorni e giorni di lezione considerando anche il lato chirurgico del caso,mi spieghi a cosa mi serve? Il master di siena deve essere abolito e' un furto legalizzato !!!!
non mi apro con lo sfogo altrimenti non la finisco piu'.


Torna all'inizio della Pagina

Patrizio
Moderatore

mago

Città: Vancouver


1900 Messaggi

Inserito il - 20 giugno 2010 : 21:33:19  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Patrizio  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Patrizio Invia a Patrizio un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
per fartela breve, un biologo che frequenta quel master
1)non impara nulla a partire da zero
2)non impara molto( visto le spese che si affrontano ) che potrebbe sfruttare in futuro
3)non conosco un biologo che non si sia lamentato

appena potro' mettero' il materiale in condivisione

stando al master non saprei interpretare gli esami ematochimici ma potrei farti benissimo una gastroectomia


Torna all'inizio della Pagina

hellas
Utente Junior



156 Messaggi

Inserito il - 21 giugno 2010 : 11:08:02  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di hellas Invia a hellas un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da Patrizio

per fartela breve, un biologo che frequenta quel master
1)non impara nulla a partire da zero
2)non impara molto( visto le spese che si affrontano ) che potrebbe sfruttare in futuro
3)non conosco un biologo che non si sia lamentato

appena potro' mettero' il materiale in condivisione

stando al master non saprei interpretare gli esami ematochimici ma potrei farti benissimo una gastroectomia



Hai ragione. Infatti io nomino i corsi utili (di cui ho visionato il materiale) non nomino i corsi che considero uno sperpero di soldi.
Consiglio comunque di parlare con chi ha frequentato il corso (esattamente come hai fatto tu).
E ti dirò, da specialista, che anche le scuole di specializzazione hanno un livello formativo assolutamente inadeguato: altro che regolamento, si fa quello che il primario ordina, altrimenti ti bocciano, per cui rischi di occuparti per anni di un settore iperspecifico e sapere poco o nulla del resto.
Sulla parte clinica erano buoni anche i corsi della Natural (che però non fa corsi di base).
Dei buoni corsi - non di base - via fad li fa anche il irccs policlinico Mangiagalli di Milano (e costano anche poco). http://fad.policlinico.mi.it/

Sul resto ti dò ragione in pieno, molto spesso si fa un master che per il 70% contiene informazioni inutili o note.

Per questo sono migliori i corsi (un corso di base - tipo Brain Health) e poi corsi ecm specifici di ambito clinico (previsti negli ecm).
Purtroppo il master può servire a tutelarsi professionalmente nel senso che, da un punto di vista legale, è un titolo accademico che allunga di 1 o 2 anni la formazione universitaria.
Il biologo nutrizionista (non specialista) è in concorrenza sul mercato non solo con medici specialisti ma anche con alcuni medici (di base o semplici laureati iscritti all'albo) tuttopati (dieta, agopuntora, botulino) per cui un master comunque "eleva e tutela".
E' triste ma noi andiamo ad acquisire titoli inutili sul piano lavorativo (ma utili su quello legale) per poi procedere per prove ed errori alla ricerca di corsi professionalmente utili.
Facendo un conto credo che i corsi che ho pagato di più fossero anche i meno utili (e infatti non li consiglio).
Il master poi ha anche un'altra funzione: poter utilizzarne i cfu per acquisire nuove lauree (farmacia, medicina e chirurgia, tecniche erboristiche, scienze motorie) utilizzabili per ampliare le competenze (e quindi le possibilità di guadagno).
Una volta chiesi all'ordine dei biologi il nulla osta per poter collocare nello studio un cicloergometro a raggi infrarossi (una sorta di cyclette con due faretti a IR che, riscaldando le zone con adiposità incrementavano il dimagramento). Il dispositivo era utilizzato da un medico di Treviso (che faceva come secondo lavoro il dietologo). Apparecchio che nulla aveva di "medico".
L'ordine mi negò il nulla osta e oltretutto scoprii che, da un punto di vista legale: per utilizzare il cicloergometro mi serviva la laurea in scienze motorie e per il faretto a infarossi la qualifica di estetista. Il medico invece poteva far tutto con una laurea sola.
Una estetista (qualifica analoga a quella di un idraulico), oltre a fare diete (le fanno, perchè sono "consigli alimentari bioenergetici" o "consulenze nutrizionali basate sulla medicina tradizionale cinese") ha una gamma di strumenti che è 100 volte quella di un biologo. Compresi apparecchi per ginnastica estetica (e dubito che una estetista sappia la differenza tra una contrazione isometrica e una isotonica o conosca gli abbinamenti tra muscoli agonisti o antagonisti). Il nostro ordine a momenti ci dice no anche per misurare la pressione arteriosa...
Non per nulla molti colleghi attuano pratiche naturopatiche: si offre un pacchetto di trattamenti (dieta, bioimpedenza coppettazione, moxibustione, ginnastica) che consoente di restare sul mercato. Con la dieta e basta non paghi l'ordine.
Alcune colleghe hanno acquisito la qualifica di estetista (aldilà delle linee guida dellìOrdine: se l'Ordine vuole evitare una moria di iscritti è bene che inizi a dire qualche "sì" e a mettersi nei panni di persone che sono sul merato senza stipendio pubblico o convenzioni.


Torna all'inizio della Pagina

Patrizio
Moderatore

mago

Città: Vancouver


1900 Messaggi

Inserito il - 21 giugno 2010 : 11:49:08  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Patrizio  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Patrizio Invia a Patrizio un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
questo e' un altro capitolo complicato in cui ci sarebbe tanto da dire, se ti posso stupire .. in alcuni centri gli infermieri ( ovviamente sono autorizzati ) a mettere cateteri centrali per la nutrizione artificiale


Torna all'inizio della Pagina

hellas
Utente Junior



156 Messaggi

Inserito il - 21 giugno 2010 : 14:14:12  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di hellas Invia a hellas un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da Patrizio

questo e' un altro capitolo complicato in cui ci sarebbe tanto da dire, se ti posso stupire .. in alcuni centri gli infermieri ( ovviamente sono autorizzati ) a mettere cateteri centrali per la nutrizione artificiale



ovviamente.......... nessuno può autorizzare a svolgere una funzione che le leggi statali vietano di svolgere.
Io scrivo da zone ex Impero Austro Ungarico: ne abbiamo le palle di un pieno che non ne hai idea.
Torna all'inizio della Pagina

Piero
Utente Junior

Albert

Città: Perugia


138 Messaggi

Inserito il - 21 giugno 2010 : 22:55:14  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Piero Invia a Piero un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da hellas

L'ordine mi negò il nulla osta e oltretutto scoprii che, da un punto di vista legale: per utilizzare il cicloergometro mi serviva la laurea in scienze motorie

Bhè, mi sembra giusto e leale, io con una Laurea Specialistica in Scienze e tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata (con ulteriore Master Universitario = 6 anni universitari o 360 CFU), quando ho capito che avrei voluto fare anche diete e terapie nutrizionali ho RIpreso gli evidenziatori e mi sono riscritto all'Università per diventare Biologo. Lo so che non è da tutti, e molti con la semplice triennale in Scienze Motorie bombardano la gente con BCAA, Creatina, Glutammina, Tribulus Terrestris e via dicendo, per non parlare dei fantastici "consigli nutrizionali" da personal trainer, personalmente non lo reputo giusto, l'Ordine dovrebbe intervenire anche in queste situazioni per tutelare i propri iscritti, ma penso di non aver fatto la scoperta dell'acqua calda..
Saluti

MEMENTO AUDERE SEMPER (Ricorda di osare sempre) Gabriele D'Annunzio
Torna all'inizio della Pagina

Emily85
Utente Junior



177 Messaggi

Inserito il - 23 giugno 2010 : 14:27:38  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Emily85 Invia a Emily85 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da hellas
Il master poi ha anche un'altra funzione: poter utilizzarne i cfu per acquisire nuove lauree (farmacia, medicina e chirurgia, tecniche erboristiche, scienze motorie) utilizzabili per ampliare le competenze (e quindi le possibilità di guadagno).



cioè io se mi faccio dei particolari master attinenti a medicina e poi voglio prendermi una laurea in medicina mi iscrivono agli anni successivi del corso di laurea? e quali sarebbero questi masters?
Torna all'inizio della Pagina

Giuliano652
Moderatore

profilo

Prov.: Brescia


6925 Messaggi

Inserito il - 23 giugno 2010 : 14:46:18  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Giuliano652 Invia a Giuliano652 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
quelli per cui ti riconoscono gli esami. Chiedi in segreteria della facoltà di medicina cosa ti riconoscerebbero a seconda del master a cui sei interessata.

Uno strumento utile per l'utilizzo del forum: cerca

Se sei nuovo leggi il regolamento e, se vuoi farti conoscere, presentati qui

Link utili alla professione:
FAQ su nutrizione e dietistica
[Raccolta link] cosa bisogna sapere del lavoro del biologo
Burocrazia per lavorare come biologi
Dà più sbocchi biologia delle posidonie o biotech suine?
Torna all'inizio della Pagina

hellas
Utente Junior



156 Messaggi

Inserito il - 29 giugno 2010 : 18:28:03  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di hellas Invia a hellas un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da Piero

Citazione:
Messaggio inserito da hellas

L'ordine mi negò il nulla osta e oltretutto scoprii che, da un punto di vista legale: per utilizzare il cicloergometro mi serviva la laurea in scienze motorie

Bhè, mi sembra giusto e leale, io con una Laurea Specialistica in Scienze e tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata (con ulteriore Master Universitario = 6 anni universitari o 360 CFU), quando ho capito che avrei voluto fare anche diete e terapie nutrizionali ho RIpreso gli evidenziatori e mi sono riscritto all'Università per diventare Biologo. Lo so che non è da tutti, e molti con la semplice triennale in Scienze Motorie bombardano la gente con BCAA, Creatina, Glutammina, Tribulus Terrestris e via dicendo, per non parlare dei fantastici "consigli nutrizionali" da personal trainer, personalmente non lo reputo giusto, l'Ordine dovrebbe intervenire anche in queste situazioni per tutelare i propri iscritti, ma penso di non aver fatto la scoperta dell'acqua calda..
Saluti



Complimenti, Comunque è esagerato avere una leaurea per utilizzare un cicloergometro e avere una qualifica profoessionale per gli infrarossi. Non è per niente "giusto" e una distorsione del sistema e uno spreco di tempo, Almeno così la pesnso io.
Non si trata di pretendere di insegnare le tecniche di salto in alto o quelle di altri sport ma di "mettere una persona a pedalare" da parte di un laureato che ha sostenuto esami di fisiologiam anatomia, patologia.
Non si può pretendere una laurea per ogni "fesseria" (un cicolergometro uno può anche acquistarselo e ingaggiarlo in casa autonomamente).
E poi c'è la questione dell'autonomia didattica degli atenei: alcuni riconoscono molti esami, per cui con 1 anno di studi si acquisce un altro titolo, altri fanno ricominciare da zero.
Se vi fosse una uniformità e una onestà nell'ambito dei riconoscimenti non ci sarebbero problemi. Solo per farti un esempio, quando chiesi quali esami mi facessero buoni per acquisire la laurea in tecniche erboristiche (non per aprire una erboristeria ma per avere una formazione qualificata in tale settore) mi dissero che non mi avrebbero riconosciuto nemmeno l'esame di microbiologia del secondo anno (ed ero già specialista in microbiologia).
Non si può far studiare una persona "100" per consentirgli di fare una attività di scarsissima rilevanza. E' imp spreco di soldi e risorse per la collettività.
Mpm poso certo impegnarmi per due anni di studio (riducendo il lavoro) per poter mettere una persona a pedalare, mica posso passare la vita all'università. Non è il problema di studiare: i soldi dove li prendi e i minori guadagni?
Chiaro: se ti riconoscono tutti gli esami, i master, i corsi non ci sono problemi. Da noi riconoscono un tubo. Riparti praticamente da zero. A Roma (proprio alla laurea in scienze motorie) riconoscevano praticamente tutto (peccato che risiedo in Friuli) e non posso mollare tutto e andare a Roma.
Tanto per citare la differenza: a Yrieste la facoltà di farmacia ha difatto l'obbligo di frequenza, a Palermo basta frequentare i laboratori.
Da noi siamo ex Austria - Ungheria, riconoscono nulla.
Ogni volta riparti da zero.


Torna all'inizio della Pagina

Piero
Utente Junior

Albert

Città: Perugia


138 Messaggi

Inserito il - 01 luglio 2010 : 20:53:44  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Piero Invia a Piero un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da hellas

Complimenti, Comunque è esagerato avere una leaurea per utilizzare un cicloergometro e avere una qualifica profoessionale per gli infrarossi. Non è per niente "giusto" e una distorsione del sistema e uno spreco di tempo, Almeno così la pesnso io.
Non si trata di pretendere di insegnare le tecniche di salto in alto o quelle di altri sport ma di "mettere una persona a pedalare" da parte di un laureato che ha sostenuto esami di fisiologiam anatomia, patologia.
Non si può pretendere una laurea per ogni "fesseria" (un cicolergometro uno può anche acquistarselo e ingaggiarlo in casa autonomamente).
E poi c'è la questione dell'autonomia didattica degli atenei: alcuni riconoscono molti esami, per cui con 1 anno di studi si acquisce un altro titolo, altri fanno ricominciare da zero.
Se vi fosse una uniformità e una onestà nell'ambito dei riconoscimenti non ci sarebbero problemi. Solo per farti un esempio, quando chiesi quali esami mi facessero buoni per acquisire la laurea in tecniche erboristiche (non per aprire una erboristeria ma per avere una formazione qualificata in tale settore) mi dissero che non mi avrebbero riconosciuto nemmeno l'esame di microbiologia del secondo anno (ed ero già specialista in microbiologia).
Non si può far studiare una persona "100" per consentirgli di fare una attività di scarsissima rilevanza. E' imp spreco di soldi e risorse per la collettività.
Mpm poso certo impegnarmi per due anni di studio (riducendo il lavoro) per poter mettere una persona a pedalare, mica posso passare la vita all'università. Non è il problema di studiare: i soldi dove li prendi e i minori guadagni?
Chiaro: se ti riconoscono tutti gli esami, i master, i corsi non ci sono problemi. Da noi riconoscono un tubo. Riparti praticamente da zero. A Roma (proprio alla laurea in scienze motorie) riconoscevano praticamente tutto (peccato che risiedo in Friuli) e non posso mollare tutto e andare a Roma.
Tanto per citare la differenza: a Yrieste la facoltà di farmacia ha difatto l'obbligo di frequenza, a Palermo basta frequentare i laboratori.
Da noi siamo ex Austria - Ungheria, riconoscono nulla.
Ogni volta riparti da zero.





Guarda io la penso diversamente, soprattutto perchè mi stai dimostrando che non sai (scusami ma mi prendo questa licenza, logicamente di microbiologia ne saprai fiumi più di me) la differenza fra attività motoria e attività sportiva. Se mi parli di insegnare un gesto tecnico sportivo con una laurea in Scienze Motorie, siamo in alto mare. La laurea in Scienze Motorie, soprattutto la laurea magistrale in Scienze e tecniche dell'attività motoria preventiva e adattata NON è la laurea magistrale in SCIENZE DELLO SPORT!!!! Non parliamo di ISEF, parliamo di lauree quinquennali completamente diverse che utilizzano il cicloergometro (che tu mi minimizzi) in modo e per cose diverse.

L'esempio è che il laureato magistrale in Scienze e tecniche dello sport lo userà per gli sportivi, un laureato magistrale in Scienze e tecniche dell'attività motoria preventiva e adattata lo userà per situazioni disfunzionali recuperabili con l'attività motoria.

Io durante il corso di Scienze Motorie triennale ho seguito un corso e sostenuto l'esame di Alimentazione e Nutrizione Umana (penso che Scienze Motorie sia uno dei pochi se non l'unico corso di laurea, oltre Dietistica e la magistrale in Scienze della Nutrizione ovviamente, a prevedere un esame così specifico sull'alimentazione), non mi sono mai sognato di fare una dieta, così anche un Biologo Nutrizionista in genere, sostenendo esami di Fisiologia Umana, Anatomia e Patologia siamo convinti che sappia l'attività motoria da somministrare??!! L'attività motoria per molti stati fisiologici alterati è utilizzata come un FARMACO!!! Siamo sicuri di saper mettere un diabetico a fare esercizio fisico, di saper riconoscere la dose insulinica che utilizza e soprattutto conoscere i tempi di interazione fra effetto ipoglicemizzante dell'esercizio fisico e quello dell'insulina?? Ragazzi non scherziamo, ci sono intere lauree dedicate a queste cose, già come Biologi facciamo diete, penso che questo potrebbe bastarci, anche perchè fidati che se i Biologi cominciassero ad utilizzare il movimento, cosa impedirebbe ad un laureato in Scienze Motorie di secondo livello di poter chiedere l'esame di Stato e l'iscrizione all'Ordine dei Biologi? Ad ognuno il suo.

Capisco che un cicloergometro non è una palestra, ma purtroppo BISOGNA mettere dei limiti e delle leggi; sai che un mio amico Fisioterapista che ha voluto aprire la sua palestra riabilitativa al pubblico non l'ha potuto fare senza un laureato in Scienze Motorie? E parliamo di due professioni che nella parte preventiva e di rieducazione funzionale si avvicinano fino ad utilizzare gli stessi metodi.

Non dico di laurearci tutti in tutto, ma almeno un master in attività motoria lo vogliamo fare se vogliamo utilizzarla?!! E se vogliamo dirla tutta, nemmeno sono d'accordo al master, perchè personalmente prima di iscrivermi a Scienze della Nutrizione Umana, vidi il master di secondo livello in Nutrizione e Dietetica della Cattolica di Roma, qualche anno fa era aperto anche ai laureati in Scienze Motorie magistrali, mi sono chiesto a cosa possa servire un master che in fin dei conti ti prepara per cose al quale la tua laurea effettivamente non ti ha abilitato??
Niente di personale logicamente.
Saluti
Piero

MEMENTO AUDERE SEMPER (Ricorda di osare sempre) Gabriele D'Annunzio
Torna all'inizio della Pagina

hellas
Utente Junior



156 Messaggi

Inserito il - 01 luglio 2010 : 21:23:15  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di hellas Invia a hellas un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da Piero

Citazione:
Messaggio inserito da hellas

Complimenti, Comunque è esagerato avere una leaurea per utilizzare un cicloergometro e avere una qualifica profoessionale per gli infrarossi. Non è per niente "giusto" e una distorsione del sistema e uno spreco di tempo, Almeno così la pesnso io.
Non si trata di pretendere di insegnare le tecniche di salto in alto o quelle di altri sport ma di "mettere una persona a pedalare" da parte di un laureato che ha sostenuto esami di fisiologiam anatomia, patologia.
Non si può pretendere una laurea per ogni "fesseria" (un cicolergometro uno può anche acquistarselo e ingaggiarlo in casa autonomamente).
E poi c'è la questione dell'autonomia didattica degli atenei: alcuni riconoscono molti esami, per cui con 1 anno di studi si acquisce un altro titolo, altri fanno ricominciare da zero.
Se vi fosse una uniformità e una onestà nell'ambito dei riconoscimenti non ci sarebbero problemi. Solo per farti un esempio, quando chiesi quali esami mi facessero buoni per acquisire la laurea in tecniche erboristiche (non per aprire una erboristeria ma per avere una formazione qualificata in tale settore) mi dissero che non mi avrebbero riconosciuto nemmeno l'esame di microbiologia del secondo anno (ed ero già specialista in microbiologia).
Non si può far studiare una persona "100" per consentirgli di fare una attività di scarsissima rilevanza. E' imp spreco di soldi e risorse per la collettività.
Mpm poso certo impegnarmi per due anni di studio (riducendo il lavoro) per poter mettere una persona a pedalare, mica posso passare la vita all'università. Non è il problema di studiare: i soldi dove li prendi e i minori guadagni?
Chiaro: se ti riconoscono tutti gli esami, i master, i corsi non ci sono problemi. Da noi riconoscono un tubo. Riparti praticamente da zero. A Roma (proprio alla laurea in scienze motorie) riconoscevano praticamente tutto (peccato che risiedo in Friuli) e non posso mollare tutto e andare a Roma.
Tanto per citare la differenza: a Yrieste la facoltà di farmacia ha difatto l'obbligo di frequenza, a Palermo basta frequentare i laboratori.
Da noi siamo ex Austria - Ungheria, riconoscono nulla.
Ogni volta riparti da zero.





Guarda io la penso diversamente, soprattutto perchè mi stai dimostrando che non sai (scusami ma mi prendo questa licenza, logicamente di microbiologia ne saprai fiumi più di me) la differenza fra attività motoria e attività sportiva. Se mi parli di insegnare un gesto tecnico sportivo con una laurea in Scienze Motorie, siamo in alto mare. La laurea in Scienze Motorie, soprattutto la laurea magistrale in Scienze e tecniche dell'attività motoria preventiva e adattata NON è la laurea magistrale in SCIENZE DELLO SPORT!!!! Non parliamo di ISEF, parliamo di lauree quinquennali completamente diverse che utilizzano il cicloergometro (che tu mi minimizzi) in modo e per cose diverse.

L'esempio è che il laureato magistrale in Scienze e tecniche dello sport lo userà per gli sportivi, un laureato magistrale in Scienze e tecniche dell'attività motoria preventiva e adattata lo userà per situazioni disfunzionali recuperabili con l'attività motoria.

Io durante il corso di Scienze Motorie triennale ho seguito un corso e sostenuto l'esame di Alimentazione e Nutrizione Umana (penso che Scienze Motorie sia uno dei pochi se non l'unico corso di laurea, oltre Dietistica e la magistrale in Scienze della Nutrizione ovviamente, a prevedere un esame così specifico sull'alimentazione), non mi sono mai sognato di fare una dieta, così anche un Biologo Nutrizionista in genere, sostenendo esami di Fisiologia Umana, Anatomia e Patologia siamo convinti che sappia l'attività motoria da somministrare??!! L'attività motoria per molti stati fisiologici alterati è utilizzata come un FARMACO!!! Siamo sicuri di saper mettere un diabetico a fare esercizio fisico, di saper riconoscere la dose insulinica che utilizza e soprattutto conoscere i tempi di interazione fra effetto ipoglicemizzante dell'esercizio fisico e quello dell'insulina?? Ragazzi non scherziamo, ci sono intere lauree dedicate a queste cose, già come Biologi facciamo diete, penso che questo potrebbe bastarci, anche perchè fidati che se i Biologi cominciassero ad utilizzare il movimento, cosa impedirebbe ad un laureato in Scienze Motorie di secondo livello di poter chiedere l'esame di Stato e l'iscrizione all'Ordine dei Biologi? Ad ognuno il suo.

Capisco che un cicloergometro non è una palestra, ma purtroppo BISOGNA mettere dei limiti e delle leggi; sai che un mio amico Fisioterapista che ha voluto aprire la sua palestra riabilitativa al pubblico non l'ha potuto fare senza un laureato in Scienze Motorie? E parliamo di due professioni che nella parte preventiva e di rieducazione funzionale si avvicinano fino ad utilizzare gli stessi metodi.

Non dico di laurearci tutti in tutto, ma almeno un master in attività motoria lo vogliamo fare se vogliamo utilizzarla?!! E se vogliamo dirla tutta, nemmeno sono d'accordo al master, perchè personalmente prima di iscrivermi a Scienze della Nutrizione Umana, vidi il master di secondo livello in Nutrizione e Dietetica della Cattolica di Roma, qualche anno fa era aperto anche ai laureati in Scienze Motorie magistrali, mi sono chiesto a cosa possa servire un master che in fin dei conti ti prepara per cose al quale la tua laurea effettivamente non ti ha abilitato??
Niente di personale logicamente.
Saluti
Piero



Credimi so benissimo quale è l'oggetto dell'attività motoria adattata. Eimarresti stupito da quanto ne so.
Il senso del mio discorso era un altro: non è possibile dover acquisire una laurea per poter mettere una persona a pedalare su un cicloergometro. Se tu con un esame di scienza dell'alimentazione dai consigli nutrizionali allora in con esami di fisiologia e patologia dovrei poter dare indicazioni sull'attività fisica.
Oltreutto ripeto: a Roma in 1 anno e senza frequentare mi laureavo in scienze motorie, in Friuli dovevo farmi tre anni: allora quali sono le leggi? Le leggi di Roma o quelle di Udine? O quelle di Napoli?


Torna all'inizio della Pagina

hellas
Utente Junior



156 Messaggi

Inserito il - 01 luglio 2010 : 21:25:47  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di hellas Invia a hellas un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da Piero

Citazione:
Messaggio inserito da hellas

Complimenti, Comunque è esagerato avere una leaurea per utilizzare un cicloergometro e avere una qualifica profoessionale per gli infrarossi. Non è per niente "giusto" e una distorsione del sistema e uno spreco di tempo, Almeno così la pesnso io.
Non si trata di pretendere di insegnare le tecniche di salto in alto o quelle di altri sport ma di "mettere una persona a pedalare" da parte di un laureato che ha sostenuto esami di fisiologiam anatomia, patologia.
Non si può pretendere una laurea per ogni "fesseria" (un cicolergometro uno può anche acquistarselo e ingaggiarlo in casa autonomamente).
E poi c'è la questione dell'autonomia didattica degli atenei: alcuni riconoscono molti esami, per cui con 1 anno di studi si acquisce un altro titolo, altri fanno ricominciare da zero.
Se vi fosse una uniformità e una onestà nell'ambito dei riconoscimenti non ci sarebbero problemi. Solo per farti un esempio, quando chiesi quali esami mi facessero buoni per acquisire la laurea in tecniche erboristiche (non per aprire una erboristeria ma per avere una formazione qualificata in tale settore) mi dissero che non mi avrebbero riconosciuto nemmeno l'esame di microbiologia del secondo anno (ed ero già specialista in microbiologia).
Non si può far studiare una persona "100" per consentirgli di fare una attività di scarsissima rilevanza. E' imp spreco di soldi e risorse per la collettività.
Mpm poso certo impegnarmi per due anni di studio (riducendo il lavoro) per poter mettere una persona a pedalare, mica posso passare la vita all'università. Non è il problema di studiare: i soldi dove li prendi e i minori guadagni?
Chiaro: se ti riconoscono tutti gli esami, i master, i corsi non ci sono problemi. Da noi riconoscono un tubo. Riparti praticamente da zero. A Roma (proprio alla laurea in scienze motorie) riconoscevano praticamente tutto (peccato che risiedo in Friuli) e non posso mollare tutto e andare a Roma.
Tanto per citare la differenza: a Yrieste la facoltà di farmacia ha difatto l'obbligo di frequenza, a Palermo basta frequentare i laboratori.
Da noi siamo ex Austria - Ungheria, riconoscono nulla.
Ogni volta riparti da zero.





Guarda io la penso diversamente, soprattutto perchè mi stai dimostrando che non sai (scusami ma mi prendo questa licenza, logicamente di microbiologia ne saprai fiumi più di me) la differenza fra attività motoria e attività sportiva. Se mi parli di insegnare un gesto tecnico sportivo con una laurea in Scienze Motorie, siamo in alto mare. La laurea in Scienze Motorie, soprattutto la laurea magistrale in Scienze e tecniche dell'attività motoria preventiva e adattata NON è la laurea magistrale in SCIENZE DELLO SPORT!!!! Non parliamo di ISEF, parliamo di lauree quinquennali completamente diverse che utilizzano il cicloergometro (che tu mi minimizzi) in modo e per cose diverse.

L'esempio è che il laureato magistrale in Scienze e tecniche dello sport lo userà per gli sportivi, un laureato magistrale in Scienze e tecniche dell'attività motoria preventiva e adattata lo userà per situazioni disfunzionali recuperabili con l'attività motoria.

Io durante il corso di Scienze Motorie triennale ho seguito un corso e sostenuto l'esame di Alimentazione e Nutrizione Umana (penso che Scienze Motorie sia uno dei pochi se non l'unico corso di laurea, oltre Dietistica e la magistrale in Scienze della Nutrizione ovviamente, a prevedere un esame così specifico sull'alimentazione), non mi sono mai sognato di fare una dieta, così anche un Biologo Nutrizionista in genere, sostenendo esami di Fisiologia Umana, Anatomia e Patologia siamo convinti che sappia l'attività motoria da somministrare??!! L'attività motoria per molti stati fisiologici alterati è utilizzata come un FARMACO!!! Siamo sicuri di saper mettere un diabetico a fare esercizio fisico, di saper riconoscere la dose insulinica che utilizza e soprattutto conoscere i tempi di interazione fra effetto ipoglicemizzante dell'esercizio fisico e quello dell'insulina?? Ragazzi non scherziamo, ci sono intere lauree dedicate a queste cose, già come Biologi facciamo diete, penso che questo potrebbe bastarci, anche perchè fidati che se i Biologi cominciassero ad utilizzare il movimento, cosa impedirebbe ad un laureato in Scienze Motorie di secondo livello di poter chiedere l'esame di Stato e l'iscrizione all'Ordine dei Biologi? Ad ognuno il suo.

Capisco che un cicloergometro non è una palestra, ma purtroppo BISOGNA mettere dei limiti e delle leggi; sai che un mio amico Fisioterapista che ha voluto aprire la sua palestra riabilitativa al pubblico non l'ha potuto fare senza un laureato in Scienze Motorie? E parliamo di due professioni che nella parte preventiva e di rieducazione funzionale si avvicinano fino ad utilizzare gli stessi metodi.

Non dico di laurearci tutti in tutto, ma almeno un master in attività motoria lo vogliamo fare se vogliamo utilizzarla?!! E se vogliamo dirla tutta, nemmeno sono d'accordo al master, perchè personalmente prima di iscrivermi a Scienze della Nutrizione Umana, vidi il master di secondo livello in Nutrizione e Dietetica della Cattolica di Roma, qualche anno fa era aperto anche ai laureati in Scienze Motorie magistrali, mi sono chiesto a cosa possa servire un master che in fin dei conti ti prepara per cose al quale la tua laurea effettivamente non ti ha abilitato??
Niente di personale logicamente.
Saluti
Piero



Credimi so benissimo quale è l'oggetto dell'attività motoria adattata. Eimarresti stupito da quanto ne so.
Il senso del mio discorso era un altro: non è possibile dover acquisire una laurea per poter mettere una persona a pedalare su un cicloergometro. Se tu con un esame di scienza dell'alimentazione dai consigli nutrizionali allora in con esami di fisiologia e patologia dovrei poter dare indicazioni sull'attività fisica.
Oltreutto ripeto: a Roma in 1 anno e senza frequentare mi laureavo in scienze motorie, in Friuli dovevo farmi tre anni: allora quali sono le leggi? Le leggi di Roma o quelle di Udine? O quelle di Napoli?
Perchè quando ho chiesto quale fosse l'iter per acquisire la qualifica di estetista (solo per poter usare alcuni strumenti - compresi quelli di ginnastica estetica-) in Friuli mi hanno detto che avrei dovuto farmi i tre anni, frequentando, in un Istituto di Roma bastava pagare e andare su due volte l'anno a firmare.
Dove è che ti sei laureato?
Nota: scusate il doppione, ho pigiato il pulsante sbagliato.



Torna all'inizio della Pagina

Piero
Utente Junior

Albert

Città: Perugia


138 Messaggi

Inserito il - 02 luglio 2010 : 01:39:27  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Piero Invia a Piero un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da hellas

Il senso del mio discorso era un altro: non è possibile dover acquisire una laurea per poter mettere una persona a pedalare su un cicloergometro.

Grazie della considerazione, ma c'è gente che per mettere a pedalare la gente sui cicloergometri prende una laurea, ebbene si, benvenuto nella realtà delle Scienze Motorie dove si necessita del direttore tecnico laureato.
Citazione:
Messaggio inserito da hellas

Se tu con un esame di scienza dell'alimentazione dai consigli nutrizionali allora in con esami di fisiologia e patologia dovrei poter dare indicazioni sull'attività fisica.

Forse non sono stato chiaro, io ho sostenuto un esame in Alimentazione e Nutrizione Umana durante il mio corso di laurea triennale in Scienze Motorie e NON mi sono mai sognato di fare una dieta o dare consigli nutrizionali. Per farlo, mi sto laureando in Scienze della Nutrizione Umana, esame di stato e fra un po' Biologo.
Citazione:
Messaggio inserito da hellas

Dove è che ti sei laureato?

Triennale e Specialistica a Urbino, master a Firenze e SNU Perugia.
Per passare a Scienze della Nutrizione ho avuto un sacco di debiti di cui una buona parte fatta di chimiche, ben venga, voglio fare ANCHE il Biologo Nutrizionista, è giusto che mi metta al pari con gli altri nonostante trentenne, come vedi con i debiti siamo nella stessa barca.
Ripeto niente di personale, tu potresti sapere tanto di attività motoria o sportiva ma il Biologo (perchè di questo si parla) NO, altrimenti non avrebbe senso l'esistenza di un'intera facoltà di Scienze Motorie e nel caso di Roma Foro Italico, di un'intera Università delle Scienze Motorie: lo IUSM.
Ciao

MEMENTO AUDERE SEMPER (Ricorda di osare sempre) Gabriele D'Annunzio
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 2 Discussione  

Quanto è utile/interessante questa discussione:

Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
Vai a:
MolecularLab.it © 2003-18 MolecularLab.it Torna all'inizio della Pagina