Forum

Nome Utente:
Password:
Riconoscimi automaticamente
 Tutti i Forum
 Varie
 Università, Orientamento, Lavoro
 Aspetti burocratici Nutrizionista in Farmacia
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Risorse di Università e Lavoro: Siti di Università - enti di ricerca e Lavoro Ultime notizie

Tag   Nutrizionista    farmacia    consulente nutrizionale  Aggiungi Tag

Quanto è utile/interessante questa discussione:

Autore Discussione  

Aridauy
Nuovo Arrivato



9 Messaggi

Inserito il - 24 maggio 2020 : 10:31:49  Mostra Profilo Invia a Aridauy un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Buongiorno a tutti!mi sto accingendo alla libera professione e per farmi "conoscere" avrei la possibilità di lavorare facendo consulenze in una farmacia. Mi chiedo però come posso "sponsorizzarmi". È lecito farmi dei bigliettini da visita da portare in farmacia (magari con indirizzo e numero della farmacia stessa)e chiedere loro di distribuire ai clienti in modo tale da spargere voce?Dovrebbero occuparsi loro di fissare appuntamenti per me anche per avere un certo ordine ,no? Inoltre dal punto di vista burocratico come funziona? Il cliente paga me direttamente o alla cassa della farmacia e poi ci regoliamo fra noi coi conti?
Chi ha esperienze può dirmi come muovermi? Anche per quanto concerne il discorso partita iva ecc?
Chiedo perché in passato mi ero offerta di fare consulenze gratuite ma il risultato non è stato il massimo, avevo 1/2 chiamate al mese e poi la gente non iniziava proprio la dieta o non veniva più al controllo. Vorrei partire col piede giusto e non rischiare di non ricevere chiamate.Non pretendo la fila, però...
Vi sarei grata se mi deste una risposta! Grazie mille

Giuliano652
Moderatore

profilo

Prov.: Brescia


6873 Messaggi

Inserito il - 24 maggio 2020 : 17:31:11  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Giuliano652 Invia a Giuliano652 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
l'Ordine dei Biologi vieta di lavorare in farmacia. Per farlo dovresti avere uno studio tuo, con ingresso separato dalla farmacia. Vedi vademecum della professione sul sito onb e questo articolo sul sito: https://www.onb.it/2014/07/02/il-conflitto-di-interessi-biologi-nutrizionisti-e-non-solo/

per quanto riguarda "il discorso partita iva ecc" ti consiglio di studiare bene il primo post del thread linkato nella mia firma "burocrazia per lavorare come biologi"

Uno strumento utile per l'utilizzo del forum: cerca

Se sei nuovo leggi il regolamento e, se vuoi farti conoscere, presentati qui

Link utili alla professione:
FAQ su nutrizione e dietistica
[Raccolta link] cosa bisogna sapere del lavoro del biologo
Burocrazia per lavorare come biologi
Dà più sbocchi biologia delle posidonie o biotech suine?
Torna all'inizio della Pagina

Aridauy
Nuovo Arrivato



9 Messaggi

Inserito il - 24 maggio 2020 : 19:07:50  Mostra Profilo Invia a Aridauy un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
In realtà le linee guida 2019 recitano così "L’art. 31, comma I, del Codice deontologico della professione di Biologo stabilisce che “Il Biologo è tenuto ad astenersi
dal prestare attività professionale quando abbia, per conto proprio, di terzi o di soggetti che esercitano attività
professionale negli stessi locali, un interesse in conflitto con quello di un cliente o che possa condizionare il corretto
svolgimento dell’incarico”.
Al riguardo, preme precisare che il conflitto d’interesse nasce dalla circostanza che il Biologo nutrizionista potrebbe
consigliare integratori o quant’altro e la farmacia fornirli al paziente.
L’Ordine tuttavia, anche alla luce dell’ingresso dei biologi nell’ambito delle professioni sanitarie, ha valutato che la
predetta disposizione fosse eccessivamente penalizzante, ritenendo opportuno ed indispensabile una valutazione specifica
di caso per caso.
È stato, pertanto, aggiunto all’art. 31 il seguente comma: “Salvo quanto previsto dall’art. 15, comma 4, il conflitto di
interesse di cui al comma precedente deve essere valutato in concreto”.
In ogni caso, occorre specificare che lo svolgimento dell’attività professionale, che è della tipologia “ambulatoriale”, deve
essere svolta in appositi locali che devono essere rispondenti agli specifici requisiti espressamente previsti dalle
disposizioni regionali.
Nessun ostacolo sussiste nell’effettuare delle prestazioni professionali all’interno della farmacia nell’ambito di giornate
di prevenzione nutrizionale come anche confermato dalla consolidata giurisprudenza pronunciatasi nel merito." Mi sembra di capire quindi che si possa esercitare (quindi sconsigliano per possibile conflitto di interesse ma non vietano come i laboratori di analisi) però non propinando prodotti ai clienti per aiutare la farmacia a vendere. Nel mio caso parlo di una farmacia che possiede una stanza separata e che quindi garantisce la privacy del cliente. Nemmeno in questo caso è possibile?
Citazione:
Messaggio inserito da Giuliano652

l'Ordine dei Biologi vieta di lavorare in farmacia. Per farlo dovresti avere uno studio tuo, con ingresso separato dalla farmacia. Vedi vademecum della professione sul sito onb e questo articolo sul sito: https://www.onb.it/2014/07/02/il-conflitto-di-interessi-biologi-nutrizionisti-e-non-solo/

per quanto riguarda "il discorso partita iva ecc" ti consiglio di studiare bene il primo post del thread linkato nella mia firma "burocrazia per lavorare come biologi"

Torna all'inizio della Pagina

Giuliano652
Moderatore

profilo

Prov.: Brescia


6873 Messaggi

Inserito il - 24 maggio 2020 : 19:44:39  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Giuliano652 Invia a Giuliano652 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
beh, meglio così, mi ero perso l'aggiornamento.

In ogni caso ci vuole il locale separato, quindi se c'è ben venga.

Uno strumento utile per l'utilizzo del forum: cerca

Se sei nuovo leggi il regolamento e, se vuoi farti conoscere, presentati qui

Link utili alla professione:
FAQ su nutrizione e dietistica
[Raccolta link] cosa bisogna sapere del lavoro del biologo
Burocrazia per lavorare come biologi
Dà più sbocchi biologia delle posidonie o biotech suine?
Torna all'inizio della Pagina

Giuliano652
Moderatore

profilo

Prov.: Brescia


6873 Messaggi

Inserito il - 24 maggio 2020 : 19:47:10  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Giuliano652 Invia a Giuliano652 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da Aridauy

Buongiorno a tutti!mi sto accingendo alla libera professione e per farmi "conoscere" avrei la possibilità di lavorare facendo consulenze in una farmacia. Mi chiedo però come posso "sponsorizzarmi". È lecito farmi dei bigliettini da visita da portare in farmacia (magari con indirizzo e numero della farmacia stessa)e chiedere loro di distribuire ai clienti in modo tale da spargere voce?Dovrebbero occuparsi loro di fissare appuntamenti per me anche per avere un certo ordine ,no? Inoltre dal punto di vista burocratico come funziona? Il cliente paga me direttamente o alla cassa della farmacia e poi ci regoliamo fra noi coi conti?
Chi ha esperienze può dirmi come muovermi? Anche per quanto concerne il discorso partita iva ecc?
Chiedo perché in passato mi ero offerta di fare consulenze gratuite ma il risultato non è stato il massimo, avevo 1/2 chiamate al mese e poi la gente non iniziava proprio la dieta o non veniva più al controllo. Vorrei partire col piede giusto e non rischiare di non ricevere chiamate.Non pretendo la fila, però...
Vi sarei grata se mi deste una risposta! Grazie mille



Visto l'aggiornamento segnalato, direi di ragionare come con un qualsiasi poliambulatorio.
Per quanto riguarda i biglietti da visita, dipende dagli accordi che hai con la farmacia, devi chiedere a loro. Ti consiglio di farti comunque pubblicità autonomamente, magari su internet (con un sito, un canale youtube, una pagina facebook, un profilo instagram o chissà che altro...o tutto insieme)

Il cliente può pagare direttamente te e poi tu lasci una percentuale alla farmacia, oppure può pagare la farmacia e tu fai fattura a loro una volta al mese. Io preferisco questa seconda opzione, così non devo preoccuparmi del pos o dei bolli, inoltre non devo inserire il nome dei clienti nel sistema TS. Anche qui, dipende dagli accordi che hai con la farmacia.

Indovina? Anche il servizio di segreteria (prendere appuntamenti, gestire le chiamate, stampa della dieta, sponsorizzazione con i loro clienti...) dipende dagli accordi che hai con loro. Non c'è una regola fissa, va contrattato tutto.

Come detto, per il resto ti rimando all'altra discussione

Uno strumento utile per l'utilizzo del forum: cerca

Se sei nuovo leggi il regolamento e, se vuoi farti conoscere, presentati qui

Link utili alla professione:
FAQ su nutrizione e dietistica
[Raccolta link] cosa bisogna sapere del lavoro del biologo
Burocrazia per lavorare come biologi
Dà più sbocchi biologia delle posidonie o biotech suine?
Torna all'inizio della Pagina

Aridauy
Nuovo Arrivato



9 Messaggi

Inserito il - 24 maggio 2020 : 20:49:51  Mostra Profilo Invia a Aridauy un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Perfetto, allora mi è più chiaro. Quando parli della "fattura una volta al mese", ti riferisci al fatto di fare i "conti a fine mese" con la farmacia? Un po' come se tu fossi libero professionista ma comunque la gestione dei clienti l'avessero i proprietari della farmacia, giusto? Effettivamente sarebbe più comoda l'opzione di far pagare il cliente alla cassa in questo senso. Ti ringrazio, sei stato molto gentile #128522; e scusa l'ignoranza ma non vorrei partire col piede sbagliato e l'ansia da professione libera è tanta#128560;
Citazione:
Messaggio inserito da Giuliano652

Citazione:
Messaggio inserito da Aridauy

Buongiorno a tutti!mi sto accingendo alla libera professione e per farmi "conoscere" avrei la possibilità di lavorare facendo consulenze in una farmacia. Mi chiedo però come posso "sponsorizzarmi". È lecito farmi dei bigliettini da visita da portare in farmacia (magari con indirizzo e numero della farmacia stessa)e chiedere loro di distribuire ai clienti in modo tale da spargere voce?Dovrebbero occuparsi loro di fissare appuntamenti per me anche per avere un certo ordine ,no? Inoltre dal punto di vista burocratico come funziona? Il cliente paga me direttamente o alla cassa della farmacia e poi ci regoliamo fra noi coi conti?
Chi ha esperienze può dirmi come muovermi? Anche per quanto concerne il discorso partita iva ecc?
Chiedo perché in passato mi ero offerta di fare consulenze gratuite ma il risultato non è stato il massimo, avevo 1/2 chiamate al mese e poi la gente non iniziava proprio la dieta o non veniva più al controllo. Vorrei partire col piede giusto e non rischiare di non ricevere chiamate.Non pretendo la fila, però...
Vi sarei grata se mi deste una risposta! Grazie mille



Visto l'aggiornamento segnalato, direi di ragionare come con un qualsiasi poliambulatorio.
Per quanto riguarda i biglietti da visita, dipende dagli accordi che hai con la farmacia, devi chiedere a loro. Ti consiglio di farti comunque pubblicità autonomamente, magari su internet (con un sito, un canale youtube, una pagina facebook, un profilo instagram o chissà che altro...o tutto insieme)

Il cliente può pagare direttamente te e poi tu lasci una percentuale alla farmacia, oppure può pagare la farmacia e tu fai fattura a loro una volta al mese. Io preferisco questa seconda opzione, così non devo preoccuparmi del pos o dei bolli, inoltre non devo inserire il nome dei clienti nel sistema TS. Anche qui, dipende dagli accordi che hai con la farmacia.

Indovina? Anche il servizio di segreteria (prendere appuntamenti, gestire le chiamate, stampa della dieta, sponsorizzazione con i loro clienti...) dipende dagli accordi che hai con loro. Non c'è una regola fissa, va contrattato tutto.

Come detto, per il resto ti rimando all'altra discussione

Torna all'inizio della Pagina

Giuliano652
Moderatore

profilo

Prov.: Brescia


6873 Messaggi

Inserito il - 25 maggio 2020 : 13:44:08  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Giuliano652 Invia a Giuliano652 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
in caso "fare i conti a fine mese" vuol dire "fatturare a fine mese".
Devi proprio scrivere la fattura con quanto ti devono e che loro dovranno pagare. A livello fiscale, non sono i tuoi pazienti il cliente, ma la farmacia.
Se vedi 10 persone e ciascuno di esse paga 100 euro per la tua prestazione e lasci il 30% alla farmacia, la farmacia fatturerà 100 * 10 = 1000 euro, tu fatturerai loro il 70% di quei 1000, quindi 700 euro (più 2 euro di marca da bollo). La farmacia ti pagherà quindi 700 euro e si tratterrà 300 euro di quanto incassato.
Anche il "come fare fattura" è spiegato nella solita discussione, già segnalata, sulla burocrazia per lavorare come biologi.

Uno strumento utile per l'utilizzo del forum: cerca

Se sei nuovo leggi il regolamento e, se vuoi farti conoscere, presentati qui

Link utili alla professione:
FAQ su nutrizione e dietistica
[Raccolta link] cosa bisogna sapere del lavoro del biologo
Burocrazia per lavorare come biologi
Dà più sbocchi biologia delle posidonie o biotech suine?
Torna all'inizio della Pagina

Aridauy
Nuovo Arrivato



9 Messaggi

Inserito il - 25 maggio 2020 : 17:46:53  Mostra Profilo Invia a Aridauy un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Scritto da MolecularLab Mobile

Ahhh capito. Quindi molto meno macchinoso del dover fare ogni volta una fattura ad ogni paziente, per questo la preferisci immagino, giusto?
Magari per evitare errori sulla compilazione della fattura posso anche chiedere al commercialista, vero? :)
Grazie mille
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  

Quanto è utile/interessante questa discussione:

 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
Vai a:
MolecularLab.it © 2003-18 MolecularLab.it Torna all'inizio della Pagina