Forum

Nome Utente:
Password:
Riconoscimi automaticamente
 Tutti i Forum
 Varie
 Off-topics
 ATTENZIONE: acqua non potabile nei comuni vesuvian
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:

Aggiungi Tag Aggiungi i tag

Quanto è utile/interessante questa discussione:

Autore Discussione  

Miss Adenina
Nuovo Arrivato

Miss Adenina
Prov.: Napoli


45 Messaggi

Inserito il - 17 ottobre 2007 : 15:22:37  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Miss Adenina Invia a Miss Adenina un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ieri sera alle ore 23:45 circa un'auto del mio comune di residenza avvertiva la popolazione che:
"L'Aquedotto non assicura la potabilità dell'acqua a causa di un guasto della condotta idrica".

Oggi sul sito della ditta che gestisce le risorse idriche, la Gori S.p.A., leggo (http://www.goriacqua.com/article/articleview/609/1/7/)
IN 4 COMUNI L’USO DELL’ACQUA E’ LIMITATO AI FINI IGIENICO-SANITARI ED ALIMENTARI
Si porta a conoscenza della cittadinanza che l’A.S.L. NA 5 in data 16/10/2007, con provvedimento n°1478, ha espresso giudizio sfavorevole di qualità all’uso idropotabile dell’acqua in alcune aree dei comuni di Ercolano, Portici, San Giorgio a Cremano (ad esclusione della zona posta a valle di Via Manzoni e traverse) e Torre del Greco, a causa dell’annoso problema connesso con la eccessiva presenza di fluoruri e nitrati.
Tale circostanza deriva dalla concomitante riduzione delle portate idriche fornite dal servizio regionale e dalla rottura della condotta principale DN 1300 Santa Maria La Foce-Boscotrecase.
Pertanto, nel rispetto delle prescrizioni emanate dalle Autorità Sanitarie competenti,
SI INVITANO
i cittadini, in via provvisoria e per scopi cautelativi, ad utilizzare ai soli fini igienico-sanitari ed alimentari (cottura cibi, lavaggio alimenti) l’acqua erogata da GORI in tutto il territorio dei comuni citati.
Si sta provvedendo ad identificare con precisione le aree e le strade interessate dal fenomeno e, in sinergia con l’A.S.L. competente, a ripetere ed intensificare il monitoraggio ed i controlli di qualità.
Il ripristino delle normali condizioni di utilizzo idro-potabile sarà comunicato con ulteriore avviso pubblico.
Per limitare i disagi, soprattutto a scuole ed ospedali, GORI sta provvedendo a distribuire bottigliette di acqua minerale.
Gli operatori della GORI restano a disposizione per ogni ulteriore informazione.


In quali quantitativi sono presenti questi nitrati e fluoruri?
Di che tipo di nitrati e fluoruri si tratta?
Cucinare e lavare gli alimenti con questa acqua è davvero innoquo come ci dicono? (io non ne sono molto convinta)

http://it.wikipedia.org/wiki/Acqua_potabile

Facciamo attenzione ed informiamoci!

Miss Adenina
Nuovo Arrivato

Miss Adenina

Prov.: Napoli


45 Messaggi

Inserito il - 17 ottobre 2007 : 15:32:14  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Miss Adenina Invia a Miss Adenina un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
da http://www.altroconsumo.it/map/src/124943.htm

In genere per le nostre inchieste facciamo una selezione dei parametri da controllare tra tutti quelli previsti dalla legge. Si tratta delle sostanze che riteniamo più rappresentative della qualità e della tipologia di acqua, come il calcio,
la durezza (la legge suggerisce che sia compresa tra 15 e 50 °F), fluoruri (valore limite: 1,5 mg/l),
cloruri (limite: 250 mg/l, danno un cattivo sapore all’acqua),
solfati (250 mg/l al massimo, per lo stesso motivo dei cloruri).
Poi vi sono alcuni inquinanti che testimoniano una contaminazione riconducibile a cause precise, come
i nitrati (che per legge non devono superare i 50 mg/l).
I metalli pericolosi,
come l’arsenico (10 µg/l),
il cromo (50 µg/l),
il nichel (20 µg/l) e
il piombo (25 µg/l, ma entro il 2013 il limite scenderà a 10 µg/l).
I metalli che cambiano il sapore dell’acqua,
come il ferro (200 µg/l),
il manganese (50 µg/l),
l’alluminio (200 µg/l).
Infine andiamo alla ricerca dei composti organoalogenati, la cui presenza è regolamentata per legge perché è il sintomo di un inquinamento da solventi industriali o di sottoprodotti della disinfezione delle acque. Per la somma dei due solventi trielina e tetracloroetilene il limite di legge è di 10 µg/l, mentre per la somma dei quattro tiralometani (cloroformio, bromoformio, dibromoclorometano e bromodiclorometano) il limite è di 20 µg/l.
Torna all'inizio della Pagina

domi84
Moderatore

Smile3D

Città: Glasgow


1723 Messaggi

Inserito il - 17 ottobre 2007 : 15:34:22  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di domi84 Invia a domi84 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grazie dell'informazione!!!

Il mio blog: http://domi84.blogspot.com/
Le foto che ho scattato...
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  

Quanto è utile/interessante questa discussione:

 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
Vai a:
MolecularLab.it © 2003-18 MolecularLab.it Torna all'inizio della Pagina