Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Capire i tumori ovarici grazie a modelli in vivo

Apparato genitale femminile


Per verificare la sensibilità a farmaci antitumorali sono stati realizzati 35 modelli di tumori ovarici umani trapiantati su dei topi immunodepressi

Su Cancer Research, rivista leader nel campo della oncologia sperimentale, sono stati pubblicati i risultati di una ricerca condotta dall'IRCCS Istituto di Ricerche Farmacologiche 'Mario Negri', che ha utilizzato 35 tumori ovarici umani, "PDX" in gergo, trapiantati in topi immunodepressi al fine di riprodurre fedelmente le caratteristiche genomiche e biologiche del singolo tumore ovarico e, soprattutto, di verificarne la sensibilità ai farmaci antitumorali.

Il carcinoma ovarico, infatti, è una neoplasia molto complessa con distinte caratteristiche isto-patologiche e genetiche per cui non può più essere considerato una singola patologia, ma una serie di malattie differenti".

Lo studio è stato condotto dai laboratori dell'Istituto 'Mario Negri'di Biologia e Terapia delle Metastasi, diretto da Raffaella Giavazzi e dell'Unità di Riparazione del DNA (Laboratorio di Farmacologia Molecolare) diretta da Giovanna Damia, col contributo di finanziamenti dell'Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC) ed è frutto di una collaborazione con i reparti di Ginecologia e Ostetricia e Anatomia Patologica dell'Ospedale San Gerardo di Monza-Università Milano Bicocca, diretti rispettivamente dal Prof.
Milani e Prof. Cattoretti e con il Laboratorio di Genomica del Cancro della Fondazione Tempia-Valente di Biella diretto dalla Dott.ssa Chiorino.

Si tratta di un bell'esempio di ricerca translazionale grazie alla collaborazione tra ricercatori preclinici e clinici.

"Questi sono attualmente i nostri pazienti - spiegano con soddisfazione Raffaella Giavazzi e Giovanna Damia -. La possibilità che questi tumori umani siano trapiantabili in altri topi ci permette di continuare a studiare quel particolare tumore anche dopo la terapia e perciò stabilire in seguito altri tipi di trattamento. Si aprono, in tal modo, nuove prospettive per migliorare il trattamento del tumore ovarico".

"Altri ricercatori ľ concludono le due ricercatrici dell'Istituto Mario Negri - hanno usato modelli di questo tipo per altri tipi di tumore per esplorare le diversità del cancro e studiare nuove terapie. Il nostro è uno dei pochi studi che è riuscito a collezionare così tanti modelli di carcinoma ovarico e studiarli da un punto di vista molecolare, istologico e farmacologico confrontandoli col tumore della paziente da cui originano".

Redazione MolecularLab.it (29/10/2014 09:30:55)
Pubblicato in Cancro & tumori
Tag: ovaie, tumore, pdx
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy